Cerenzia

Nei pressi di San Giovanni in Fiore sorge Cerenzia dove, secondo lo storico Martirano, Dante fuggito da Firenze trovò la sua “selva oscura” e il fiume Acheronte che, nella Divina Opera, separava il Limbo dall’Inferno. L’antico monastero di Acheronthia ha ospitato veramente Dante e alcuni templari? Ai posteri l’ardua sentenza.
Fatto sta che il borgo fantasma di Acheronthia con i suoi ruderi, intrisi di storia e di singolari misteri, ha un fascino indiscutibile. Non bisogna dimenticare le grotte basiliane dove, nei periodi in cui la dottrina cristiana era perseguitata e clandestina, venivono celebrati i riti greco-bizantini.
Per concludere una visita alla chiesa parrocchiale, a croce greca, della nuova Cerenzia. Al bar della piazza si possono fare quattro chiacchiere con la gente molto cordiale del posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.